rassegna stampa mercoledì 30 luglio 2014

da http://www.goodmorningitalia.it

 

TUTTI CONTRO PUTIN L’Unione europea ha detto sì alla più forte di presa di posizione contro il Cremlino dai temi della Guerra Fredda: una serie di ampie misure, in vigore dalla fine di questa settimana, tese a indebolire l’economia russa e convincere Mosca a ritirare il supporto ai separatisti (Bbc).

Che sanzioni? I più colpiti saranno i settori energetico, finanziario e della difesa. Le maggiori banche statali russe non potranno più emettere bond e azioni sui mercati europei (Financial Times). Vietate le esportazioni destinate all’industria petrolifera e la vendita di armamenti, eccezion fatta per i contratti già firmati, come quello francese da 1,2 miliardi di euro per una fornitura di elicotteri (Reuters ha analizzato la provenienza delle armi dei separatisti). Sanzioni anche contro il settore tech civile (Bloomberg), congelati beni e visti di molti oligarchi.

Ma gli scontri continuano La strategia di Putin viene messa in difficoltà anche dalle sconfitte riportate sul campo dai ribelli (Wall Street Journal), che l’esercito ucraino ha costretto a ritirarsi nelle roccaforti di Donetsk e Luhansk e ha accerchiato in molte altre zone, inclusa l’area dello schianto del volo MH17 (Al Jazeera). Almeno 22 morti tra i civili.

MEDIO ORIENTE SENZA TREGUA Israele ha intensificato i bombardamenti sulla Striscia, colpendo anche l’unica centrale elettrica, che fornisce energia a case e ospedali, Nella notte un attacco a una scuola dell’Onu ha ucciso di 23 rifugiati, portando il bilancio complessivo dei morti palestinesi a oltre 1.200 (Al Jazeera). 

Bozze di pace Il ministro degli Esteri israeliano ha proposto al Consiglio di Sicurezza nazionale una risoluzione per la fine del conflitto, che somiglia alle condizioni poste alla fine della Seconda guerra del Libano (Haaretz).

Fermare l’assedio Esponenti di varie fazioni palestinesi si incontreranno oggi al Cairo per discutere di un possibile cessate il fuoco umanitario. Ma per il comandante di Hamas Mohammad Deif non ci sarà nessuna tregua che non includa la fine dell’assedio alla Striscia (Bbc).

Fronte libico Una coalizione di gruppi armati (tra cui Ansar, formazione legata ad al Qaeda) ha preso il controllo di una base dell’esercito libico fedele al tenente Khalifa Haftar (l’uomo forte della Cirenaica, fedele agli Usa, spiega l’Ispi) a Benghazi (Al Jazeera).

Chi finanzia al Qaeda? Mentre gli Stati Uniti rifiutano categoricamente di pagare riscatti se i propri cittadini vengono sequestrati dai terroristi, molti Paesi europei (come ha fatto la Germania per liberare 32 europei rapiti in Mali) accettano, foraggiando così le attività dei fondamentalisti islamici (New York Times).

 

BACK TO ITALY
Erase and rewind
Nonostante le sospensioni alla discussione sui primi due articoli del Ddl (relativi alle norme sulla composizione e l’elezione del nuovo Senato) e le due riunioni dei capigruppo, non c’è intesa sulla riforma. Saltato anche il tentativo di mediazione avanzato da Vannino Chiti (respinto da Sel, M5s e Lega), che aveva proposto di concentrare il dibattito su una decina di punti in cambio di un taglio del numero di emendamenti e dell’impegno di votare la riforma (in prima lettura) entro la prima settimana di settembre (Corriere).

I numeri Soltanto cinque emendamenti votati, ma, grazie alla procedura del “canguro” (che fa decadere gli emendamenti simili a quelli bocciati), ne saltano altri 1.400.

Opposizioni Mentre tiene il patto del Nazareno tra maggioranza e Forza Italia (Huffington Post), Grillo minaccia l’Aventino contro il “colpo di Stato” e l’ostruzionismo di Sel porta Vendola allo scontro con il Pd, che mette a rischio l’alleanza elettorale tra i due partiti (Fatto Quotidiano). Diego della Valle, intervistato dal Fatto Quotidiano, attacca Renzi: “La Costituzione di Einaudi non la cambia il primo che passa”.

Che tempi! Dovevano arrivare entro Pasqua, poi per l’estate e ora probabilmente le modifiche all’Italicum e le modifiche costituzionali slitteranno a dopo le vacanze (La Stampa)

MONDO REALE

Rapimento lampo Sequestrato per otto ore il padre dell’attaccante della Juventus Carlos Tevez. L’uomo sarebbe stato assalito da tre sconosciuti mentre si trovava in auto. I rapitori l’avrebbero riconosciuto solo in seguito e quindi chiesto un riscatto milionario (La Nación). Ancora non è chiaro se sia vero, come riferisce il quotidiano argentino Clarín, che la famiglia abbia pagato 400 mila pesos (circa 36 mila euro) per la liberazione.

ECONOMIA
Crescita a rischio La combinazione tra crescita dei tassi d’interesse a livello globale e rallentamento dei mercati emergenti potrebbe costare il due per cento al tasso di crescita mondiale nei prossimi cinque anni, avverte il Fondo Monetario Internazionale (Reuters).

Record tedesco Il rendimento dei bund tedeschi è sceso a 1,24 per cento, mai così giù dal 1989 (l’ultimo record negativo, 1,127 per cento, era stato toccato nel 2012 durante la crisi del debito greco). I mercati attendono nuove misure da parte della Bce per combattere la bassa crescita e inflazione (Businessweek).

Operazione Dark Pool Ubs e Deutsche Bank coinvolte nell’inchiesta sulle piattaforme di trading online alternative alle borse ufficiali, dove è possibile scambiare titoli privati e in modo anonimo (Wall Street Journal).

Cara Alitalia… Scambio di mail tra l’amministratore delegato di Alitalia Gabriele Del Torchio e il Ceo di Etihad James Hogan, il quale ricorda che l’aumento di capitale deve arrivare a 350 milioni di euro. La deadline per l’operazione è domani 31 luglio (Lettera 43).

INDEPENDENCIA! Il capo del governo spagnolo Mariano Rajoy incontra il presidente della Catalogna Artur Mas per cercare di fermare il referendum di autodeterminazione della regione, in programma il 9 novembre e ritenuto illegale da Madrid. Ieri l’ex presidente catalano Jordi Pujol aveva ufficializzato il suo ritiro dalla vita politica, ammettendo di aver evaso il fisco, ma sia Rajoy che Mas hanno affermato che la vicenda non influirà sul dialogo (Abc).

Come si dice corruzione in mandarino? L’ex capo della sicurezza cinese Zhou Yongkang (ed ex membro del Politburo, il secondo massimo organo decisionale della Repubblica Popolare) è stato arrestato per “gravi violazioni disciplinari” (Bbc). Intanto il Canada ha attaccato la Cina accusando gli hacker di aver attaccato una rete chiave di Ottawa (Reuters).

MEDIA & TECH
Chiude L’Unità Il quotidiano sospenderà le pubblicazioni dal 1° agosto. Oggi, per protesta, il giornale uscirà con un numero speciale in bianco (Repubblica).

New York Times I ricavi pubblicitari sono scesi per la 14esima volta in 15 trimestri (-4,1 per cento). Unica nota positiva della trimestrale è la crescita dell’1,4 per cento delle vendite, anche grazie ai nuovi abbonamenti all’edizione digitale (Bloomberg).

Cinguettii di gioia Twitter guadagna il 35 per cento nell’after-hours di Wall Street, grazie a ricavi trimestrali più che raddoppiati (312,2 milioni di dollari, +124 per cento rispetto ai 139,3 milioni dello stesso periodo del 2013) e crescita della base utenti del 6,3 per cento (Financial Times)
 

CALCIO
Caso Tavecchio
 Anche l’Uefa si schiera contro il candidato alla presidenza della Federcalcio accusato di razzismo. Che perde anche il sostegno di Sassuolo e Brescia (Corriere).

 

OGGI

Banca Italia pubblica l’indagine sul credito bancario in Italia a giugno 2014;
Semestrali di Indesit, Edison, Italcementi, Mediolanum, Fiat, Assicurazioni Generali, Enel;
Cambogia, prima udienza al processo contro due dirigenti dei Khmer rossi accusati di genocidio;
Usa, riunione del Comitato di Politica Monetaria della Banca Centrale americana;
Calcio, amichevoli Cesena-Juventus e Savona-Genoa.

 

Prime:

Corriere: E’ caos al Senato sulle riforme

Repubblica: Fallisce la trattativa, scontro al Senato. Preferenze, Renzi apre

La Stampa: Renzi, braccio di ferro sul Senato

Il Sole 24 Ore: Ribassi record per i tassi Ue

Il Messaggero: Caos riforme, si vota a oltranza 

Il Fatto Quotidiano: Vietnam Senato

Il Giornale: Terrorismo in Senato

Libero: Il delirio di Lady Fisco: evasione colpa dei cattolici

L’Unità: Hanno ucciso l’Unità

Il Manifesto: L’inferno

Ft.com: EU and US toughen sanctions on Russia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...