Anniversario inizio genocidio del Rwanda

6 aprile 1994: inizio del genocidio del Rwanda

“Non provo più odio per chi ha ucciso la mia famiglia, voglio portare la vita a chi
mi ascolta e chiedo di fare altrettanto ogni giorno perché solo così si rende davvero giustizia a chi è morto senza alcuna colpa”. (Yolande Mukagasana).
_Il 6 aprile del 1994 ebbe inizio il genocidio del Rwuanda. 100 giorni e un mare infinito di vittime.
La casa editrice La meridiana ha fatto conoscere in Italia Yolande Mukagasana, sopravvissuta al genocidio, pubblicando i suoi libri: La morte non mi ha voluta, Un giorno vivrò anch’io. Il genocidio raccontato ai giovani, Le ferite del silenzio. Testimonianze dal genocidio del Rwuanda.
Da alcuni anni Yolande è tornata in Rwuanda, invitata dal Governo per costruire Il Giardino della pace, luogo della memoria e della riconciliazione tra chi è rimasto e tra i figli nati dal genocidio: figli spesso di donne violentate e abusate dai loro aguzzini.
A 10 anni dal genocidio, Yolande, accompagnata dal fotografo Alain Kazinierakis, tornò in Rwuanda e intervistò alcune vittime e alcuni carnefici. Le foto di ognuno accompagnano la testimonianza.
Come scrisse Yolande: “Dietro il silenzio delle vittime si nasconde la paura. Dietro i loro sguardi si nasconde la sofferenza quotidiana. Dietro questo silenzio si nasconde il dolore di ogni singola persona.
Dietro il silenzio dei carnefici si nasconde la paura, diversa da quella che provano le vittime, poiché dietro il loro silenzio si nasconde il timore per la verità e la giustizia. Ho visto i traumi dei carnefici. Al solo pensiero, ne provo vergogna. Come vittima, non so se ho il diritto di commuovermi per la loro sofferenza, di cui sono gli unici responsabili’.
Come scrisse Alain: ’Per gli uomini, donne e bambini che siamo andati a trovare, sia vittime che carnefici, il tempo si era fermato. La parola aveva quindi ancora la sua immediatezza. Mentre loro si confidavano a Yolande, io e la mia Hasselblad, era come se non esistessimo. È grazie a lei, alla sua presenza di sopravvissuta, che sono riuscito a mettermi di fronte al genocidio; lei mi ha invitato a sentire le profonde ferite della disperazione, la sofferenza di ogni istante, il dolore di aver perso tutto ciò che si amava, il senso di colpa per essere rimasto in vita.’
Il libro sul nostro sito al 60% di sconto, “Per conoscere, sapere, ricordare. Fare memoria. Per imparare da Yolande il coraggio di… portare la vita.” la Meridiana mette sul sito al 60% di sconto “Le ferite del silenzio”

fonte: ufficio stampa la meridiana

segnalato da: Francesca

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...